Pavimenti per esterni: materiali, tipologie e tecniche di posa 2021

Pubblicato il:
Categorie: Esterni
Indice

“Collezioni in gres porcellanato eleganti ed originali, colori ed accostamenti studiati per sorprendere e vestire gli spazi del Design di oggi. Le piastrelle di Ceramiche Refin sono espressione contemporanea ed attualissima della vitalità e creatività del “Made in Italy”.

Così scrive il nostro fornitore https://www.refin.it/ nella sezione dei prodotti.

Pavimenti-per-esterni

Pavimenti per esterni carrabili, il gres porcellanato

Il gres porcellanato è il materiale che si distingue per i valori più bassi di assorbimento d’acqua. Da questa caratteristica discende anche il più alto grado di resistenza alla flessione, vale a dire la massima tensione che il materiale, sottoposto ad una crescente azione di flessione, può tollerare prima di rompersi. Nei pavimenti per esterni in grès porcellanato troviamo anche la elevatissima resistenza all’abrasione, ovvero la resistenza che la superficie oppone alle azioni connesse con il movimento di corpi, superfici o materiali a contatto con essa.

Queste caratteristiche con la giusta posa rendono il gres porcellanata una ottima soluzione per pavimenti esterni carrabili.

Pavimenti per esterni, posa con collante

Le caratteristiche del materiale vengono valorizzate solo da una giusta posa. I pavimenti per esterni devono mantenere una posa adeguata ed una cura diversa essendo zone ad alta erosione e soggetti ad intemperie.

I pavimenti per esterni posati con collante permettono di realizzare superfici carrabili con facilità di pulizia e resistenza alle macchie oltre che ovviamente ad una elevata resistenza alle sollecitazioni. 

Sono ideali anche per i bordo piscina e non solo, vediamo dove.

pavimenti

La posa con collante è ideale per:

  • Cortile
  • Bordi piscina
  • Balconi e terrazze
  • Garage
  • Scale esterne
  • Solai esterni
  • Spazi pubblici outdoor
  • Verande

Pavimenti per esterni, piastrelle in cemento

Le piastrelle in cemento nei pavimenti per esterni sono probabilmente le più comuni e ne esistono in diverse tipologie. Le più utilizzate sono quelle ad alto spessore, costituite da un conglomerato di malta cementizia e ghiaia o piccoli ciottoli: il risultato è un materiale compatto, con un look abbastanza gradevole, molto resistente al calpestio ed alle intemperie. Tipicamente queste piastrelle si utilizzano per vialetti di accesso e parcheggi. Per zone all’aperto da vivere quotidianamente, come un ampio terrazzo o la zona barbecue, in genere si utilizzano piastrelle in cemento più gradevoli e belle

Per questo noi di Edil Merici preferiamo dei pavimenti per esterni in ceramica con un aspetto molto simile al cemento.

Il gres porcellanato effetto cemento rispecchia le caratteristiche di questo materiale da costruzione con le sue texture eterogenee e naturali, ideali per ambienti dal mood contemporaneo, essenziale e minimalista. Grazie ai colori neutri e alla versatilità, le varie collezioni si adattano sia al mondo del contract, che a quello residenziale, per locali interni e zone esterne.

Pavimenti per esterni autobloccanti

Tra le varie tipologie di pavimenti per esterni, le pavimentazioni in autobloccanti rappresentano sicuramente la scelta che può adattarsi a qualunque contesto di utilizzo, che si tratti del cortile di una villa antica, di una piazza in un centro urbano ovvero del piazzale di un capannone industriale. I pavimenti per esterni autobloccanti offrono una vasta scelta di personalizzazione dei colori, delle forme, degli spessori oltre che un adattamento a qualunque contesto d’impiego.

Esistono però degli svantaggi, un esempio è sicuramente il fatto che è assolutamente necessario creare un ottimo bloccaggio dei masselli, ottenibile solamente racchiudendo la pavimentazione tra le mura di un fabbricato, di una recinzione o, in assenza di questi elementi, contornando la pavimentazione con dei cordoli. 

Pavimenti sopraelevati per esterni: pro e contro

Anche chiamati pavimenti galleggianti o flottanti, i pavimenti per esterni sopraelevati sono costituiti da una struttura rialzata dal sottofondo al di sotto della quale è possibile sistemare e spostare facilmente cavi elettrici, telefonici, allarmi e tutti i cablaggi e le tubature che sono di norma presenti in uffici, negozi ed ambienti di lavoro. Per questo motivo i pavimenti per esterni sopraelevati sono utilizzati soprattutto nelle nuove costruzioni o negli interventi di ristrutturazione dove è richiesta massima flessibilità progettuale e facilità di ispezione degli impianti a terra.

Tramite supporti regolabili e traverse metalliche che formano la struttura rialzata, i pannelli dei pavimenti per esterni sopraelevati vengono appoggiati alla stessa, senza ricorrere a colle o costosi e lunghi interventi murari garantendo in tal modo:

  • Facilità di ispezione del suolo
  • Manutenzione semplificata dell’impiantistica a terra
  • Isolamento acustico e termico dato nell’intercapedine tra suolo e pavimento sopraelevato
  • Massima libertà di ristrutturazione dello spazio sovrastante, in quanto libero da tubazioni e canalette

Le pavimentazioni sopraelevate realizzate con le piastrelle in gres di Ceramiche Refin, sono la soluzione ideale per chi cerca il massimo della resistenza e facilità di pulizia, unito all’eleganza e al design tipicamente italiano.

Potrebbe interessarti anche...

edil merici

BONUS 2020

Dubbi sui BONUS per la casa?

Nella nostra guida approfondiamo tutti i bonus di maggior interesse, attuali a sempre aggiornati. E se qualcosa non sarà chiaro potrai ricevere chiarimenti dai nostri esperti.

bagno di design

bagni in calabria

Cura e benessere

CONTATTI

Prenota una consulenza

Guida ai BONUS 2021

Ricevi subito la guida ai BONUS del 2020 per la casa e trova quello che fa al caso tuo.

edil merici